lunedì 24 aprile 2017

Rogo a Ca’ Roman Interrogazione del Pd in Regione


Il rogo forse doloso nell'oasi di Ca’ Roman arriva anche in Regione, con una interrogazione presentata dai consiglieri del Pd con la richiesta di chiarimenti. «L’ennesimo rogo a Ca’ Roman è preoccupante, anche perché l’area interessata è all’interno dell’Oasi di protezione gestita dalla Lipu e confinante con un sito che fa parte della Rete Natura 2000, quindi dall'importante valore ambientale», chiedono in un’interrogazione a risposta immediata i consiglieri regionali del Pd Andrea Zanoni, Bruno Pigozzo e Francesca Zottis «Secondo le informazioni fornite dal responsabile dell’Oasi Lipu esistono elementi che fanno pensare ad un incendio doloso, incendio che si è esteso per circa 2.260 metri quadri, mappati tramite Gps. Il canneto andato in fiamme è importante per l'ecosistema locale, anche perché è un punto di sosta per alcune specie ornitiche», spiegano gli esponenti Pd.
«E Ca’ Roman conserva, grazie al suo relativo isolamento, uno degli ambienti dunali più integri di tutto l'alto Adriatico. Su queste superfici è vietata per dieci anni la costruzione di edifici, strutture e infrastrutture finalizzate a insediamenti civili ed attività produttive oltre al pascolo e alla caccia,
per cinque le opere di rimboschimento e di ingegneria ambientale sostenute con risorse pubbliche. Chiediamo perciò alla Regione se in quest’area la legge sia stata applicato nella sua interezza e, di conseguenza, siano stati messi in atto i vincoli pluriennali previsti». (ma.to.)