giovedì 20 agosto 2015

Segre porta gli Autori a Chioggia e Pellestrina

Apre questa sera, e continua fino a domenica, la prima parte della rassegna di cinema promossa in "Laguna sud" da Andrea Segre, come preludio alle Giornate degli Autori in programma al Lido dal 2 settembre per la Mostra del Cinema. Altre tre serate, organizzate invece a Pellestrina, ne costituiranno l'epilogo. Le serate di Chioggia sono ospitate in piazza Duomo, quelle di Pellestrina nell'antica remiera di via Zennari; in entrambi i casi si tratta di un omaggio al cinema indipendente e rappresentanto un doppio legame di Segre con i luoghi e la regia. Le Giornate degli Autori sono state al Lido la vetrina del suoi lavori più importanti, e Chioggia è stata quinta straordinaria per il suo film "Io sono Li", che lo ha rivelato al grande pubblico e ha conquistato premi in tutta Europa. A questa rassegna, Segre ha lavorato come curatore assieme a Giorgio Gosetti, che segue le Giornate degli Autori. La rassegna prende dunque il via questa sera a Chioggia con il film canadese "C.r.a.z.y." di Jean Marc Vallée (due Oscar per Dallas Buyers Club); sabato sera in programma "Indebito" firmato dallo stesso Segre con Vinicio Capossela; domenica "La donna che canta" di Denis Villeneuve e chiusura lunedì 24 agosto con "La mia classe" di Daniele Gaglianone con Valerio Mastandrea. A Pellestrina l'epilogo: l'11 settembre "Il paese dove gli alberi volano" di Jacopo Quadri e Davide Barletti, il 12 serata a sorpresa, il 13 l'anteprima italiana (in accordo con il Festival di Locarno, dove è stato presentato nei giorni scorsi) di "I sogni del lago salato", nuovo film di Segre. Il film è ambientato in Kazakistan dove il regista ha voluto raccontare gli ultimi 50 anni della storia d'Italia specchiandola in quella attuale del paese. Di questa rassegna che apre e chiude "fuori luogo" le Giornate degli Autori Segre dice: «L'idea di poter portare dei film a Pellestrina fuori dal Palazzo del cinema è emozionante perché è come se il cinema uscisse dai suoi luoghi di rito e incontrasse una realtà geografica e sociale, vicina e lontana allo stesso tempo. Proprio lì dove sembra che due realtà non possano dialogare tra loro - perché a Pellestrina mangi solo peoci e a Palazzo mangi le ostriche - puoi trovare nuove direzioni. Le contaminazioni permettono di affrontare la sfida di aprirsi ad altri sguardi».