domenica 12 aprile 2015

Protezione civile, danneggiato il gommone

Ignoti hanno danneggiato l’imbarcazione nuova di zecca che il Comune aveva assegnato a inizio gennaio al nucleo di Protezione civile dell’isola. Un gommone Mancini in alluminio acquistato grazie ai fondi messi a disposizione dalla Regione e dallo stesso Comune, per consentire ai volontari di Pellestrina rapidi spostamenti e interventi anche in caso di incendio boschivo agli Alberoni oppure a Ca’ Roman.
Il gommone era custodito negli spazi della Remiera Pellestrina, un’area di proprietà del Comune, poggiato su un carrello con le ruote per agevolarne gli spostamenti. Chi ha agito, evidentemente sapeva bene come muoversi in quegli spazi, dal momento che sono circondati da case abitate e non a cielo aperto. Il gommone è al coperto, anche se l’accesso è facile non essendo chiuso sottochiave.
Quando ieri i volontari hanno scoperto l’accaduto, dalla prima stima sembra che i danni ammontino ad almeno 5 mila euro. «Hanno portato via il lampeggiante, un faro, hanno tagliato gli pneumatici del carrello rimorchio e tutti i fili dell’impianto elettrico», spiega Silvano Baseggio, responsabile del nucleo di Protezione civile di Pellestrina. «L’imbarcazione era nuova di zecca, non l’avevamo ancora messa in acqua neppure una volta. Ci era stata consegnata i primi giorni di gennaio, perché avevamo una barca vecchia, ma avendo la specializzazione in incendi boschivi, ci sarebbe servita per raggiungere più facilmente certe zone. Hanno danneggiato solo il nostro gommone, quindi pensiamo a un’azione mirata. Siamo molto delusi perché a Pellestrina facciamo solo del bene con il nostro lavoro, e poi ci vengono anche a fare queste cose». Il nucleo dell’isola conta su 25 volontari pronti a intervenire sull’arco di tutte le ventiquattro ore. (s.b.)