giovedì 12 settembre 2013

«Ripristinare subito il pontile Actv»

È la richiesta del consigliere comunale Scarpa Marta per San Pietro in Volta

Ristrutturare e rimettere in funzione il pontile Actv di San Pietro in Volta”. Questa la richiesta avanzata dal consigliere comunale Alessandro Scarpa Marta, in un’ interpellanza rivolta in primis al sindaco Orsoni. Una presa di posizione che parte da lontano, e che ha il supporto della popolazione di Pellestrina alle prese, spesso, con disagi nei trasporti. Nel tanto decantato piano di emergenza in caso di avarie dei ferry boat, da anni i residenti e il consigliere Scarpa Marta tentano di inserire il pontile di San Pietro in Volta. Un elemento che risolverebbe parecchi problemi, unitamente a un mezzo sempre pronto a partire dall’isola in direzione Alberoni, per fare la spola e trasferire quei cittadini che magari restano bloccati su una sponda oppure su un’altra tra Lido e Pellestrina. «A causa delle maree e dalla scarsa manutenzione, numerose tavole del pontile posto sulla strada della laguna fronte via Tardivi a San Pietro in Volta si sono staccate rendendolo di fatto inutilizzabile», sottolinea il consigliere comunale. «Ci sono state molte segnalazioni fatte dai cittadini, in merito al pericolo che lo stesso approdo rappresenta in quelle condizioni, ma finora sono rimaste inascoltate. Quando c’è stato poi l’ultimo incidente al ferry boat Ammiana, il personale dell’azienda è andato in tilt perché al momento dello sbarco delle persone, dopo quattro ore di attesa, l’equipaggio si è reso conto che il pontile non era in condizioni di sicurezza, e ha dovuto far scendere gli utenti addirittura all’imbarcadero di Pellestrina che dista una decina di chilometri». Da qui la richiesta di ristrutturazione e possibilità di farne un uso completo, per dare una risposta ai residenti in caso di necessità, dal momento che potrebbe tornare utile anche per i mezzi di emergenza. (s.b.)