martedì 19 febbraio 2013

Il recupero della chiglia del relitto avverrà non prima di aprile

Il recupero della chiglia del relitto emerso dalla sabbia sulla spiaggia di Pellestrina avverrà non prima di aprile, quando il Comune avvierà i lavori di manutenzione dell’arenile con le pulizie previste per rimuovere legno e rifiuti. Lo ha confermato ieri l’assessore all’Ambiente Gianfranco Bettin. «Non so se lo farà il Comune o qualche altra ditta, ma di sicuro dovrà essere messa in sicurezza quella zona», commenta Bettin. «I rilievi del caso li abbiamo fatti, ora spetta alla Capitaneria di Porto decidere il da farsi. Di sicuro, penso che sia stato irresponsabile chi ha tagliato in due la nave, lasciando sotto la sabbia la chiglia. Potevano esserci degli incidenti e, se non fosse stato per la forte erosione da parte del mare, non ce ne saremmo forse mai accorti. In poche parole, quei pezzi di acciaio non dovevano essere lì». Una vicenda denunciata dal consigliere comunale dell’isola, Alessandro Scarpa “Marta”, e che ora Ca’ Farsetti sta seguendo in attesa di un responso da parte della Capitaneria di Porto. La nave, un mercantile greco, si era incagliata nel 1978, e solo una dozzina di anni più tardi è stata in parte rimossa. (s.b.)