mercoledì 16 maggio 2012

Un nuovo piano per gli «ex orti»

Le associazioni ambientaliste del Lido chiedono un nuovo piano che preservi interamente l’area ex orti, di pregio ambientale, a lato del Forte Barbarigo, a Pellestrina, e che si collega al Piano di recupero di Ca’ Roman (ex Colonia Marina delle Suore Canossiane) e la costruzione di decine di villette previste a ridosso dell’oasi. Oggi alle 17.30 in Sala Perla, a Pellestrina, nella riunione della commissione di Municipalità, l’assessore all’urbanistica e all’edilizia privata Ezio Micelli presenterà la proposta di “controdeduzioni” alle “osservazioni” presentate, a seguito della pubblicazione del piano adottato dalla Giunta il 5 ottobre 2011, dalle associazioni ambientaliste del Lido, dalla Lipu e dall’associazione tra Mare e Laguna di Pellestrina. Le associazioni ambientaliste interverranno in forze per ribadire le loro ragioni, dimostrare che il piccolo arretramento dell’edificazione che viene ora proposto con il parziale accoglimento di una osservazione, non è sufficiente e che l’area rinaturalizzata “ex orti” deve essere totalmente preservata. Inoltre, sostengono che il piano va riproposto per la parte di territorio effettivamente edificabile (l’ex Colonia Marina) con un nuovo iter rispettoso delle disposizioni di legge e una soluzione distributiva dei nuovi edifici che può comunque essere soddisfacente per la proprietà, e far presente che le “liberalità” proposte dalla società «Ca’ Roman srl» non devono tuttavia comportare una sottovalutazione della perdita di valore per la Comunità che l’edificazione degli «ex orti» potrebbe comportare. Le Associazioni, comunque, sono pronte a chiedere alla Provincia l’intero annullamento del Piano come previsto dalla legge urbanistica regionale. (s.b.)