venerdì 27 gennaio 2012

Villette di Ca’ Roman Chiesto il dibattito a Ca’ Farsetti

752-1.jpg (L.M.) Discutere in consiglio comunale del piano di recupero di iniziativa privata che vuole trasformare l'ex colonia di Ca’ Roman a Pellestrina in ottanta villette con nuovi insediamenti abitativi. L'intervento è già stato adottato dalla giunta comunale, che quindi ha espresso il suo benestare, scatenando, come si ricorderà una raffica di osservazioni e critiche dalle associazioni ambientaliste, che considerano l'area da salvaguardare, e non cementificare, visto il pregio naturalistico. Il progetto, secondo la giunta comunale, è conforme al Pat e quindi non è necessario il passaggio in consiglio (è stato illustrato in comissione consiliare senza andare al voto).
      Ieri undici consiglieri comunali, con Nicola Funari (gruppo misto ex IdV) e Alessandro Scarpa «Marta» lista «Impegno per Venezia», insieme ad altri colleghi sia del centrosinistra che del centrodestra, hanno sottoscritto la richiesta di inserimento dell'ordine del giorno, in un consiglio comunale, affinchè il piano possa essere dibattuto e votato. «Non lo riteniamo conforme al Pat - spiega Funari - e dunque di pertinenza del consiglio comunale che ha il diritto-dovere di esprimersi sul tema. Il passaggio in consiglio comunale è l'unico modo per tentare di fermare l'intervento».