giovedì 29 dicembre 2011

Ubriaco devasta un ristorante Finisce in manette

Ubriaco mette a soqquadro un ristorante di San Barnaba. I militari del Nucleo Natanti dei carabinieri di Venezia la notte tra martedì e mercoledì, hanno messo le manette a C.G, 42 anni, di Pellestrina. Martedì sera verso le 21.30 il titolare di un ristorante a due passi da San Barnaba, chiama i militari per segnalare la presenza di due ubriachi che infastidiscono la gente. L’equipaggio del radiomobile interviene per verificare la situazione. Dalla ricostruzione dell’accaduto emerge che una coppia, un uomo e una donna sui quarant’anni in evidente stato di ebbrezza, erano entrati nel ristorante pretendendo di sedersi per consumare una pizza. Di fronte al rifiuto del titolare, dovuto al fatto che il posto era pieno e non c’erano tavoli liberi, si erano accomodati lo stesso di prepotenza sul posto di altri clienti stranieri che stavano cenando tranquillamente. Dopo poco l’uomo si alza e va al bancone ad ordinare un spritz. Il titolare si rifiuta di darglielo, a quel punto C.G va in escandescenza e finisce dietro il bancone, per farselo da solo, ma sbatte contro il frigobar. Inizia ad inveire, gridare, fa cadere tutto quel che trova, rompe bottiglie e poi le lancia verso il portone d’ingresso. Fortunatamente titolare e cameriera grazie alla prontezza dei riflessi, non vengono colpite. Poi l’ubriaco afferra una bottiglia rotta per colpire nuovamente il titolare del locale, ma finisce ancora una volta a terra. I carabinieri giunti sul posto, si sono trovati davanti ad un locale devastato. E’ stato chiamato il 118, visto che l’uomo si era ferito lanciando le bottiglie e rompendole. Con i militari è andato in escandescenza, tanto che è stato necessario l’uso delle manette per accompagnarlo fuori dal ristorante e farlo curare dagli operatori del Suem. In supporto è arrivata la polizia locale ed è stato scortato in caserma: dove dopo aver raccolto le testimonianze dei presenti e le denunce delle persone offese, è stato arrestato per tentata estorsione, danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale, la compagna sarà denunciata per resistenza. (m.a.)