sabato 12 novembre 2011

Spiaggia erosa dal mare

In alcuni tratti l’arenile dell’isola è stato talmente eroso dal mare che la spiaggia si è ridotta da 50 a una manciata di metri. Questo, soprattutto a ridosso del centro abitato di Pellestrina. E mentre la preoccupazione degli abitanti è piuttosto marcata in un periodo dell’anno spesso caratterizzato dalle mareggiate, dal Magistrato alle Acque giungono rassicurazioni ma anche la conferma che servirebbero di sicuro interventi di ripascimento. «Il problema è che, attualmente, non disponiamo dei finanziamenti necessari a questo progetto – spiega l’ingegner Piero Majerle – Servirebbero almeno alcuni milioni di euro per reperire il materiale in cava, approntare il cantiere e riportare alla normalità la situazione di questa porzione di arenile. A Pellestrina non si è in una situazione drammatica, ma i lavori sono necessari perchè l’arenile deve essere riportato ad una lunghezza dal murazzo di almeno 50 metri». Se il Magistrato alle Acque disponesse dei fondi, non potrebbe però aprire i cantieri prima di 5-6 mesi. «E’ il tempo richiesto per le autorizzazioni – conclude Majerle – ma saremmo pronti a iniziare in qualsiasi momento dopo aver ottenuto il via libera, anche tra inverno e primavera. Intanto il monitoraggio dell’area continua, per avere costantemente sotto controllo la zona». Per completare l’opera sono necessari parecchie migliaia di metri cubi di sabbia. (s.b.)