mercoledì 22 marzo 2017

«Autobus Actv troppo veloci? Ce lo chiedono i passeggeri»

«Costretti a rispettare tabelle di marcia impossibili e minacciati verbalmente dai passeggeri per non fargli perdere le coincidenze».
Queste la replica del sindacato Sgb in difesa degli autisti Actv in servizio al Lido, specie sulla linea 11. A parlare è il rappresentante sindacale Danilo Scattolin, che aggiunge: «Nel 2013 abbiamo fatto un esposto ai carabinieri per segnalare l'impossibilità di rispettare le tabelle di marcia imposte dall’azienda. Ma in quattro anni non si è mosso nulla. Adesso non ci stiamo ad essere colpevolizzati dai residenti di Lido e Pellestrina, che poi sono i primi a chiederci di andare più veloce per poter raggiungere il posto di lavoro o non perdere la coincidenza per tornare a casa. Se un problema esiste ne deve rispondere Actv che non cambia gli orari». Secondo l’esponente del sindacato Sgb servirebbero almeno dai 3 ai 5 minuti in più sui tempi di percorrenza per rispettare i limiti.
«Negli ultimi anni sono stati installati vari dissuasori di velocità», osserva Scattolin,
«sono stati abbassati i limiti di velocità in più zone del Lido e aggiunte fermate. Se l’azienda non cambia le tabelle di marcia è perché con più tempo utile si dovrebbe aggiungere un mezzo in servizio con aggravio di costi. Lo diciamo da anni ma non siamo ascoltati da nessuno». (s.b.)