venerdì 23 gennaio 2015

Il Tar “boccia” le ville Ca’ Roman

Il ricorso di Legambiente: non si tratta di ristrutturazioni ma di nuovi edifici 

Villette turistiche a Ca’ Roman: vittoria per le associazioni ambientaliste. I giudici del Tar hanno, infatti, sospeso la delibera con la quale - ad ottobre 2014 - il commissario Zappalorto aveva approvato il piano di recupero presentato dalla società Ca’ Roman e impugnato da Italia Nostra (con gli avvocati Paolo e Francesca Mantovan), perché troppo impattante.
Quella del Tar è una sospensiva e, come tale, un provvedimento temporaneo in attesa di entrare nel merito della questione: ma l’ordinanza pubblicata ieri è un anticipo preciso del giudizio del Tar Veneto. «Il ricorso appare sorretto da sufficienti elementi di fondatezza», scrivono infatti i giudici, «in riferimento alla scheda 19 della variante del piano regolatore generale per l’isola di Pellestrina, che per l’ex colonia di Ca’ Roman stabilisce solo «interventi di ristrutturazione edilizia con abbattimento degli edifici e ricostruzione», mentre «gli interventi previsti dal piano di recupero approvato con delibera del commissario straordinario non sembrano riconducibili alla ristrutturazione edilizia (neppure secondo la più ampia accezione possibile), ma ad un insieme sistematico di interventi di demolizione», con nuovi edifici più grandi e costruiti su aree prima non edificate, in particolare «in quella ora a verde posta a sud, verso forte Barbarigo». Una bocciatura di merito anticipata dall’ordinanza con la quale si sospendono le autorizzazioni. «Questa decisione conferma la nostra posizione», commenta Marco Zanetti, portavoce del Coordinamento associazioni ambientaliste del Lido, «noi non siamo contro qualsiasi intervento a Ca’ Roman, non siamo il fronte del no a tutto, ma vanno preservate le aree verdi e non aumentate le cubature. E il Tar ci dà ragione».
 Roberta De Rossi