venerdì 19 luglio 2013

Ritrovata a Sottomarina la quindicenne scomparsa

Avvistata da un uomo che aveva appena letto la notizia della sua sparizione dalla pagina facebook della “Nuova” e che ha subito chiamato i carabinieri 

È stata ritrovata nella notte la ragazzina di 15 anni, scomparsa da tre giorni dalla casa di famiglia a Pellestrina dopo un litigio con la madre. A notarla, dopo aver visto la sua foto sulla pagina facebook della “Nuova Venezia” è stato un passante. L’uomo, pochi minuti dopo aver letto della sua scomparsa sul cellulare, ha incrociato la ragazza a Sottomarina, vicino a un campeggio. Ha subito chiamato i carabinieri che proprio in quella zona avevano concentrato le loro pattuglie. In pochi secondi quindi una pattuglia del radiomobile si è portata sul posto avvicinando con delicatezza la ragazzina, che stava camminando con un’amica.
Lei non ha fatto nulla per nascondere la sua identità ed è parsa sollevata della conclusione della vicenda.
Portata negli uffici della compagnia carabinieri di Chioggia, in lungomare, ha spiegato che era andata a dormire a casa di un’amica, in provincia di Rovigo, tenendola all’oscura del fatto che i suoi non sapevano dove fosse.
Intanto i militari hanno avvertito il padre, infermiere professionale, che è corso a riprendersi la figlia.
Tra i due un abbraccio, tante lacrime e la promessa di appianare in un altro modo eventuali, inevitabili, litigi familiari.
Già nella serata i carabinieri avevano ristretto il campo d'indagine. Analizzando i profili Facebook degli amici della minorenne avevano notato che un'amica aveva parlato di lei. Gli investigatori hanno quindi sentito la conoscente, che aveva spiegato di aver saputo che la ragazzina scomparsa aveva pernottato da un'amica e si sarebbe trovata a Sottomarina.
Per quello i carabinieri avevano deciso di passare a tappeto una determinata zona della città balneare, sperando che la fotografia della ragazza, pubblicata sui socialnetwork, aiutasse le indagini.
Una speranza confermata dai fatti. Un uomo che aveva appena letto sullo smartphone la notizia della scomparsa sulla pagina Facebook del nostro giornale, e quindi visto la sua foto, l'ha incrociata dopo pochi minuti e ha chiamato il 112.