giovedì 28 marzo 2013

Aggredisce l’arbitro, stop di un anno

Un anno di squalifica per tentata aggressione all'arbitro. È questa la sanzione inflitta a Federico Busetto, giocatore del Nuovo San Pietro (Seconda categoria), espulso domenica nel corso della gara giocata contro l'Esedra. Busetto è stato fermato fino al 31 marzo del 2014 perchè dopo un gol segnato dagli avversari si dirigeva verso l'arbitro «urlando insulti, agitando le braccia e minacciandolo di morte. Giunto vicino all'arbitro, gli veniva segnalato il provvedimento di espulsione, che suscitava una reazione ancor più violenta, manifestando la volontà di colpire il direttore di gara, trattenuto a stento dal capitano e dai compagni di squadra. Si tratteneva nel terreno di gioco per oltre un minuto, continuando a inveire e cercando di sottrarsi al controllo dei compagni per raggiungere nuovamente l'arbitro. Difatti riusciva a svincolarsi e, raggiunto il direttore di gara, tentava di colpirlo con uno schiaffo al viso, evitato con un tempestivo spostamento. Veniva, quindi, costretto ad allontanarsi, trascinato di peso dai compagni. Si sottraeva nuovamente al controllo, afferrava una manciata di fango e la scagliava contro l'arbitro, raggiungendolo alla mano e allo stomaco. Questo comportamento ritardava la ripresa del gioco per oltre due minuti. Ancora nello spogliatoio, a fine gara, ha cercato il contatto fisico con il direttore di gara, evitato per l'intervento dei compagni». Da parte sua Marco Ghezzo, presidente del Nuovo San Pietro, afferma che la società, multata di 100 euro, non farà ricorso. Questa, tra l'altro, è la seconda squalifica di un anno a un giocatore del club isolano, visto che già Devi Vianello è stato bloccato fino al prossimo 25 novembre».