venerdì 8 giugno 2012

Bus pieno, arrivano i carabinieri

Genitori e studenti in mezzo alla strada bloccano la linea 11

Per il secondo giorno consecutivo l’autobus di linea 11 è arrivato pieno di passeggeri alla fermata della scuola Loredan senza permettere a nessuno di salire, e stavolta studenti e genitori lo hanno bloccato mettendosi in mezzo alla strada. Mercoledì avevano minacciato di farlo se il disagio si fosse riproposto, e puntualmente è accaduto. Il mezzo era partito puntuale alle 12.55 dal capolinea del cimitero di Pellestrina, ma già pieno di passeggeri dal momento che a qualche turista, in arrivo con il vaporetto di linea 31 da Chioggia c’erano anche molti residenti di rientro dal mercato chioggiotto. Situazione che ha impedito ad altri passeggeri di salire sul mezzo strada facendo, fino alle 13, quando è giunto alla fermata della scuola media Pietro Loredan dove molti studenti erano in attesa per salire e tornare a casa. «E’ successa la stessa cosa e stavolta la gente ha reagito protestando perchè è stufa di queste situazioni – commenta Lorenza Vianello dalla associazione Tra mare e laguna – ci sono continue penalizzazioni per i residenti dell’isola, abbiamo già avuto in passato molti problemi per questo stesso motivo. Serve un secondo mezzo».
La reazione degli studenti e dei genitori che si sono messi in mezzo alla strada per impedire all’autobus di ripartire, ha provocato la cancellazione della corsa e l’arrivo dei carabinieri. Gli stessi dai quali il giorno prima erano andati a protestare i genitori degli alunni. Solo che stavolta i militari sono passati alla identificazione dei giovani e dei familiari. «Credo che sia stata una reazione ovvia, visto che il problema è continuo» osserva il consigliere comunale Alessandro Scarpa “Marta”. Consigliere che ieri ha presentato una interpellanza al sindaco sui fatti di Pellestrina. «Sindaco con il quale ho avuto modo di parlare ieri mattina al telefono, spiegandogli il disagio degli abitanti. In fin dei conti, la scuola terminerà tra due giorni, cosa costava ad Actv mettere in linea una corsa di rinforzo per evitare tutto questo? Tra l’altro si sa che in questo periodo può capitare che un maggior numero di turisti arrivano da Chioggia, quindi bastava fare quattro conti e potenziare il servizio per quella corsa delle 12.55. Invece niente».