venerdì 10 febbraio 2012

La bora scardina un infisso alla torre dell’acquedotto

Superlavoro dei vigili del fuoco per interventi sulle coperture di alcuni edifici

761.jpg
Il freddo polare di questi giorni, ha provocato parecchi danni anche a Pellestrina.
      Tubi dell'acqua congelati o esplosi, tanto che gli idraulici, che generalmente operano nel posto, hanno fatto fatica ad ottemperare a tutte le chiamate. Ma anche le raffiche di bora, che hanno investito l'isola, hanno fatto la loro parte, tanto da richiedere l'intervento dei vigili del fuoco. È accaduto l'altro giorno, quando al presidente della Municipalità Giorgio Vianello, e al consigliere comunale Alessandro Scarpa, sono arrivate numerose segnalazioni riguardanti una situazione di pericolosità nella torre dell'acquedotto. In buona sostanza, il forte vento aveva scardinato definitivamente i vecchi infissi, uno dei quali penzolava tra la torre e il vuoto. La torre, si trova proprio a fianco della scuola elementare e materna Zendrini, e giocoforza, sono numerosi i bambini e gli alunni che passano nelle vicinanze. Allertato anche l'assessore Maggioni, sono stati inviati in isola i pompieri, che oltre a mettere in sicurezza l'acquedotto, hanno transennato l’area in modo che nessuno passi troppo nelle vicinanze.
      I vigili del fuoco sono stati impegnati nell’isola fino a tarda sera anche per interventi su qualche edificio privato, che aveva avuto problemi con comignoli, camini e tegole.