giovedì 26 gennaio 2012

Uno dei cani delle palafitte cerca padrone

Dopo le ordinanze dei Comuni di Venezia e Chioggia che hanno imposto il divieto di lasciare cani sulle palafitte lagunari, ieri è giunto a un veterinario del Lido il primo animale in cerca di casa. Succede che non tutti i proprietari delle palafitte hanno evidentemente ora la possibilità di tenersi il cane in casa oppure non hanno il giardino. Di fatto, ieri mattina un meticcio maschio di tre anni è stato visitato dopo che era stato lasciato in affido due giorni fa alle volontarie di Pellestrina. “E’ in buone condizioni di salute, molto intimidito non essendo stato mai abituato a restare sulla terraferma e in mezzo alle persone, e ora cerca casa” ha spiegato il medico, rassicurando sulle condizioni del cane. Peggio, era andata a un pastore tedesco che il servizio veterinario dell’Asl aveva raccolto da una delle palafitte _ nel corso dei primi controlli effettuati alcuni mesi fa _ per affidarlo al canile di San Giuliano e quindi sottoporlo alle cure del caso visto che stava tutt’altro che bene ed era malato e deperito. Ora, le persone che stanno accudendo il giovane meticcio vorrebbero evitare di farlo andare in canile, e quindi si cerca una famiglia disposta ad adottarlo. Già nei giorni scorsi, le volontarie dell’associazione Canili Veneti onlus si erano dette disposte a intervenire in tutti quei casi in cui i cani fossero rimasti senza padrone dopo il ritorno sulla terraferma. Ma anche tante altre associazioni ed enti animalisti avevano fatto sentire la propria voce per far trovare una casa agli animali. (s.b.)