giovedì 15 dicembre 2011

Fabi diventa deputata «Un’avventura inattesa»

Sabina Fabi entra in parlamento al posto del sindaco di Castelfranco, Luciano Dussin, che si è dimesso. La Fabi, Lega Nord, consigliere comunale a Scorzè, consigliere provinciale e capogruppo della Lega Nord, sarà in viaggio già questa mattina, verso Roma, per prendere possesso dello scranno da deputata. E’ stata proclamata ieri sera. «Sono stata avvisata pochi minuti fa da Corrado Callegari (deputato veneziano del Carroccio, ndr) – spiegava ieri sera alle 21 la Fabi –, sapevo che ero la prima dei non eletti, ma mai mi sarei aspettata di entrare in parlamento. E un’avventura nuova, che mi coglie di sorpresa, inutile negare che sono molto emozionata». Ieri sera la neo-deputata era alla cena natalizia della Lega Nord, a Martellago, dove è stata festeggiata. Ma già stamattina dovrà salire sul treno per Roma. «Entro in parlamento in un momento molto particolare per la Lega Nord – spiegava ieri sera – perché con il governo di Mario Monti siamo l’unico vero partito all’opposizione». La carriera politica della Fabi, 60 anni, nata il 14 giugno del 1962, ex caposala all’ospedale di Mirano, in pensione dal primo gennaio 2011, è iniziata a Scorzè. Come responsabile locale del partito di Bossi, e poi nella giunta di Clara Caverzan, dove ha ricoperto l’incarico di vicesindaco e di assessore ai Servizi sociali. Poi l’avventura in Provincia, dove è stata eletta capogruppo. E da oggi anche l’esperienza parlamentare. «Tre incarichi, sono un po’ troppi», spiegava ieri sera scherzando, e ora bisognerà capire se la Fabi deciderà di rinunciare allo scranno del consiglio comunale, a quello provinciale, o a entrambi. Sabina Fabi, dopo la morte dell’ex sindaco di Villorba, Liviana Scattolon, risultava la prima dei non eletti nella circoscrizione Venezia-Treviso-Belluno (Veneto2). Come da regolamento quindi, con le dimissioni del sindaco di Castelfranco (per incompatibilità dei due ruoli) il posto nella Camera dei deputati è il suo. 
Francesco Furlan