domenica 23 ottobre 2011

Piove in classe, protesta dei genitori

Pellestrina, all’elementare Zendrini il problema delle infiltrazioni dura da anni

(A.B.) Genitori sul piede di guerra. Piove fuori e a scuola entra acqua. Accade a Pellestrina, nella classe terza b della scuola elementare Zendrini. Un problema che dura da qualche tempo, e che è già stato più volte segnalato, ma che si è presentato in maniera drammatica giovedì scorso. La classe che è al primo piano, quando piove, a causa di infiltrazioni, deve raccogliere acqua tramite secchi, posizionati sopra un armadio contenente materiale scolastico. Ma la pioggia dell'altro giorno, violenta, ha causato anche qualcosa di peggio; le infiltrazioni, copiose, hanno deformato il controsoffitto, allarmando non poco i genitori, che venerdì, prima dell'inizio delle lezioni, sono andati a verificare di persona la situazione. Solo dopo aver visto il controsoffitto, ritornato normale, hanno fatto entrare i figli. Ma si sono poi recati dai carabinieri e dal presidente della Municipalità Giorgio Vianello. Anche al sindaco e agli assessori Ferrazzi e Maggioni vengono chiesti interventi. «Siamo allibiti - racconta una mamma - della leggerezza di qualcuno nel non prendere decisioni. Mia figlia convive con questo problema da tre anni, ma qualcuno mi ha raccontato che sono almeno 8 anni che in quella classe girano secchi per raccogliere acqua». E conclude «Se qualcuno non interviene velocemente, abbiamo già deciso ed informato tutti, che nei giorni di pioggia i nostri bambini rimangono a casa». Sulla questione è intervenuto pure il consigliere comunale Alessandro Scarpa, con una interrogazione al sindaco, mentre il presidente Vianello ha assicurato che nella prossima settimana ci saranno dei controlli.