lunedì 8 agosto 2011

Igor e Rudi Vignotto senza rivali

La regata di Pellestrina, ultima tappa della stagione delle regate prima della Storica, si è giocata tra l’improvvisa assenza della favoritissima Luisella Schiavon e la conferma dei cugini Vignotto, giunti per la quindicesima volta al primo posto. Regata che ha visto il pubblico, oltre 600 persone, esultare alle prestazioni dei regatanti.
 Come da tradizione, ognuna delle tre regate è stata seguita dalla riva contemporanemente, pedalata dopo pedalata, da centinaia di pellestrinotti in bicicletta, che hanno fatto un tifo d’inferno. Nota di colore a parte, la prima regata (giovanissimi su pupparini a due remi) ha visto il trionfo dei pellestrinotti Nicola Ballarin e Andrea Rosada , seguiti da Davide Salvadori e Alessandro Carrettin. Partiti con 11 minuti di ritardo sull’orario ufficiale, i giovanissimi campioni hanno mantenuto la prima posizione fin dalla partenza. A pochi minuti dallo start sembrava che fossero il rosa e il verde i favoriti per la seconda e terza posizione, ma a collocarsi al secondo e terzo posto sono arrivati, rispettivamnte, Davide Salvadori e Alessandro Carrettin, con il marrone, seguiti al terzo posto da Mattia Quintavalle e Denis Zanella, con il rosa. Alla quarta posizione, per il celeste, Roberto Ballarin e Davide Vianello. La regata delle donne su mascarete a due remi si è giocata all’insegna della grande assente Luisella Schiavon e della compagna Giorgia Ragazzi. Favorite dall’imprevista assenza, al primo posto si sono collocate Maika Busato e Romina Catanzaro. A seguire, ma con pochi secondi di distanza, il marron di Silvia Scaramuzza e Debora Scarpa. Una prestazione eccelente, quella della coppia marron, che dall’iniziale terzo posto hanno rimontato fino alla prima pozione. E per due minuti il testa a testa si è giocato appunto tra il canarin e il marron, finchè i remi delle due mascarete sfiorandosi hanno bloccato la ribalta della coppia marron e ricondotto alla prima posizione il canarin. Per i giudici tutto regolare. Per i campionissimi, vittoria certa e con grande distacco (quasi tre bricole) del viola dei cugini Igor e Rudi Vignotto, che hanno concluso il percorso (circa 6 chilometri) in 32.57 minuti. Gli unici a tentare di resistere allo strapotere dei Vignotto sono stati i «verdi» Luca Quintavalle e Gaetano Bregantin che sono rimasti per l’intera gara secondi dopo la barca dominatrice. Al terzo posto Stefano Tagliapietra e Maurizio Rossi (Celeste); e al quarto, Claudio Carretin e Marino Massaro (Arancio).