domenica 21 febbraio 2016

Ferry boat, ritardi e disagi per i pendolari

Le difficoltà per i residenti di Pellestrina per quanto riguarda i trasporti da e per l’isola, che sembravano doversi risolvere in pochi giorni, continuano e, dopo l’accordo raggiunto tra Actv e autisti del bus, ora colpiscono il settore navigazione della tratta, con ritardi del ferry- boat che collegano Lido e Pellestrina che portano a un sostanziale raddoppio dei tradizionali tempi di percorrenza, ritarsi continui e, in pratica, perdita di una corsa all’ora circa. Sono continuati anche in questi giorni, nonostante le rassicurazioni, i disagi per i pendolari di Pellestrina, con i tempi di percorrenza del ferry-boat da a per Alberoni aumentati dai 12-15 minuti canonici fino a superare largamente i 20 minuti per singola corsa, fatto che, oltre ad esasperare gli animi di chi è costretto ad usare i mezzi per muoversi lavorando fuori dall’isola, porta in pratica al salto di una corsa all’ora e a ritardi anche dei bus collegati che superano i 10 minuti.
«È in atto - spiega il presidente della Municipalità Danny Carella - Una sorta di "sciopero bianco" o di "non collaborazione" che, dopo aver coinvolto gli autisti dei bus, ora è passata ai ferry. Noi abbiamo per un mese sollecitato un intervento dell'assessorato ai trasporti, che non solo non è intervenuto, ma non ha nemmeno accolto le richieste di incontro. La prossima settimana, se la situazione continua scriverò al prefetto. Perché, nel caso non fosse chiaro,
i pellestrinotti sono obbligati a prendere il ferry per uscire dall'isola. È un servizio essenziale». in attesa della risposta, Carella rivolge dunque un appello al personale in agitazione: «Date un segnale, interrompete questa situazione, date respiro ai cittadini». 
 Massimo Tonizzo