lunedì 21 aprile 2014

«Noi non siamo un cimitero». A Pellestrina monta la protesta

L’unica fermata del servizio navigazione Actv in paese non è proprio un bel biglietto da visita. «Siamo un’isola piena di storia e tradizioni, non di zombies. Così fanno scappare i visitatori»

Come vi sentireste se, mentre voi tentate di rendere accogliente il vostro paese e tentate di aumentare i visitatori, lo descrivessero sulle mappe solo come un “Cimitero”? Lo stesso sentimento lo stanno provando gli abitanti di Pellestrina, una delle due isole, assieme al Lido, che formano la laguna di Venezia.
La protesta sta infatti montando tra la gente residente in questa lingua di verde e sabbia da quando l’Actv ha nominato l’unica fermata del servizio navigazione presente a Pelletsrina chiamandola “Cimitero”. In effetti a pochi metri dalla fermata, scendendo a destra, c’è il cimitero, ma a sinistra c’è tutto il paese e sul posto c’è anche il teminal della linea di bus che collega l’isola con il Lido e quindi Venezia.
«Questa è la nostra unica fermata del vaporetto in paese», spiega Fabio Rosada, «Bene, il biglietto da visita che Actv offre ai nostri visitatori è quello di “Cimitero”. Ma scherziamo? Non siamo un cimitero, ma un posto interessante, pieno di storia e tradizioni».
E in effetti pochi posti in laguna sono rimasti così genuini come Pelletsrina, isola ancora dedita principalmente alla pesca e dove molti aspetti di vita comunitaria, dal dialetto alla cucina, dai lavori a uncinetto delle donne ai sistemi di pesca sono rimasti quelli di una volta. Senza contare poi la spiaggia e non ultima la sequela di feste e ritrovi che ne fanno un posto non solo piacevole, ma la meta ideale per una gita, sia arrivando da Chioggia, con il vaporetto che vi porta alla fermata “incriminata”, sia dal Lido, con il ferry boat dagli Alberoni. Inoltre Pellestrina è una delle tre isole, assieme a Lido e Sant’Erasmo, che permettono una buona sgambata in bici, sia nella versione mbk che da corsa, ma è attrezzata anche per essere percorsa e visitata anche con una normalissima bicicletta da città.
Sull'isola vi è un'altra fermata del battello foraneo per Chioggia, Ca' Roman, ma si trova parecchio distante dall'abitato e viene servita (a richiesta) solo per visitare l'oasi naturalistica.
Quindi è ovvio che la definizione di “Cimitero” per un intero paese non vada proprio giù. «Questa cosa e vergognosa si trova a Pellestrina nel tratto Pellestrina/Chioggia (vaporetto). Evidenziare “cimitero” non è bello per un isola come Pellestrina e una brutta cartolina x chi arriva da fuori», dice Rosada a nome dei pellestrinotti, «Pellestrina non è un cimitero e Actv ci sta prendendo gioco e ci copre di ridicolo».
Sull’isola c’è chi ha dato vita a una pagina di protesta e chi sta tempestando Actv di telefonate. Insomma, la “battaglia” per non essere equiparati a un’isola di “zombies” è appena iniziata.