domenica 2 febbraio 2014

«Intervento urgente per la torre»

Rischio crollo, interpellanza del consigliere comunale Scarpa Marta

«Serve un intervento urgente per la messa in sicurezza della vecchia torre dell’acquedotto che sorge all’interno del centro abitato di Pellestrina». Questa la richiesta inviata al sindaco con una interpellanza, dal consigliere comunale Alessandro Scarpa Marta. Si parla della vecchia Torre Zendrini, parte dell’acquedotto e non più in uso al giorno d’oggi, ma che negli ultimi anni è stata più volte oggetto di proteste da parte dei residenti, per la preoccupazione legata alla sua stabilità e alle parti che cadevano al suolo da grande altezza. Le ultime hanno riguardato episodi di danneggiamenti avvenuti nel corso di alcuni temporali e trombe d’aria, con tanto di interventi da parte dei vigili del fuoco per evitare che intonaci, vetri e pezzi di infissi potessero cadere sulla testa della gente, in modo particolare dei bambini della vicina scuola elementare dell’isola. Plesso che si trova solo a pochi metri dalla struttura che desta tanta preoccupazione a Pellestrina. «C’è una situazione pericolosa», osserva il consigliere Scarpa, «anche perché sotto la torre, in estate, vengono pure organizzati vari eventi pubblici legati alla Festa della Madonna dell’Apparizione, e frequentati da migliaia di persone. In passato, a causa dei forti venti e di alcuni temporali, la torre è stata danneggiata. Chiediamo al sindaco di intervenire al più presto per ordinare dei lavori che prevedano la sistemazione definitiva della torre dell'ex acquedotto, così da scongiurare ogni eventuale pericolo per la cittadinanza, per i turisti, ma soprattutto per i bambini che frequentano la scuola elementare Zendrini». (s.b.)