mercoledì 17 aprile 2013

«Una nuova idroambulanza al Lido»

Quinta idroambulanza per Venezia e più medici e autoambulanze per Lido, Pellestrina e Cavallino Treporti. Queste le promesse fatte ieri dall’Asl 12 in III commissione a Ca’ Farsetti. Il potenziamento dei soccorsi per la stagione estiva e la costruzione di un attracco a Chioggia, per favorire il trasferimento di pazienti non gravi da Pellestrina, sono stati i temi toccati dal direttore generale Giuseppe Dal Ben, accompagnato nell’occasione dal responsabile del Servizio di emergenza Suem 118 e dai primari dei pronto soccorso di Venezia e Mestre. «È massima la nostra attenzione per l’emergenza sul territorio», ha detto Giuseppe Dal Ben, direttore generale dell’Asl 12, «I nostri tecnici sono professionalmente molto esperti e capaci di gestire le maxi emergenze come le emergenze ordinarie: sono sicuro che l’Asl 12 sta garantendo nel modo migliore la salute della popolazione. L’aggiunta della quarta idroambulanza per il centro storico è stato un modo per aumentare ancora di più la sicurezza. Quanto al ricovero a Chioggia dei pazienti, sono i nostri medici a stabilire quando questa è la scelta migliore. In caso di codici rossi o gialli, è evidente che spetta al sanitario decidere la sede ospedaliera più adatta alle condizioni del malato». Nel 2012 sono state oltre 152 mila le chiamate al 118 e 71 mila le missioni compiute. La prossima estate non ci sarà l’elisoccorso all’aeroporto del Lido, ma il servizio sarà coperto e garantito ancora una volta dai velivoli in dotazione agli ospedali di Treviso e Padova. Dal 15 giugno al 15 settembre è però prevista una quinta idroambulanza con infermiere per il centro storico, un medico in più per il servizio di soccorso, un’ambulanza con infermiere stabile al Lido, un’ambulanza con medico e un’ambulanza con infermiere in luglio e agosto per Cavallino Treporti, un’ambulanza domenicale per Marcon e un’auto medica notturna per la centrale operativa. «Assicuro che la mancanza dell’elicottero in sede non ha cambiato di nulla la qualità dei soccorsi», ha aggiunto Dal Ben. Il consigliere comunale Alessandro Scarpa, autore dell’interrogazione al sindaco, ha ribadito allo stesso Dal Ben la necessità che sia garantito il trasporto delle emergenze in idroambulanza a Chioggia per risparmiare tempo rispetto al tragitto fino a Venezia, mentre Salvatore Lihard, per i comitati cittadini ha sottolineato che «il numero di interventi del Suem in centro storico e isole è stato superiore rispetto a quello della terraferma, e questo è un aspetto di cui tener conto. È positivo che il direttore e il suo staff abbiano presentato dei numeri rispetto a quanto si faceva in passato, attendiamo però risposte e dati disaggregati sul Lido e Pellestrina. Mentre su Pellestrina riteniamo che i residenti debbano servirsi di Venezia e non di Chioggia”. Simone Bianchi