domenica 5 agosto 2012

Proteste per la mancanza di guardrail lungo la strada

Coro di proteste, a Pellestrina, per la mancanza dei guardrail lungo la strada che dal terminal Actv di Santa Maria del Mare porta ai centri abitati dell’isola. Da tempo i comitati segnalano la pericolosità della situazione, in particolare per le ore notturne e quando c’è ridotta visibilità. La strada è stretta e ha da una parte la laguna e dall’altra i fossati delle valli da pesca. Un tema che è stato oggetto anche di numerosi interventi a Ca’ Farsetti da parte del consigliere comunale Alessandro Scarpa “Marta”, mentre i residenti hanno inutilmente atteso a lungo che venisse messa in sicurezza la zona, soprattutto nel tratto iniziale a ridosso del terminal Actv del ferry boat di linea 11. «La situazione parla da sola», dice Scarpa, «il timore è sempre quello che possa accadere il peggio, perchè non c’è illuminazione sufficiente, e se si finisce in acqua in caso di incidente, le conseguenze sono facilmente immaginabili». Ma non solo per questo, sull’isola, si protesta in queste ore. Sono rimasti piuttosto perplessi gli aderenti al comitato cittadino Tra mare e laguna, dopo la conclusione dei lavori che hanno portato alla costruzione delle due nuove pensiline dell’autobus vicino le scuole dell’abitato di Pellestrina. «Crediamo sia stato fatto un lavoro troppo esoso», dice Lorenza Vianello dal comitato Tra mare e laguna, «e spese decine di migliaia di euro, da quel che ci risulta, per cementificare quasi una trentina di metri di montone del murazzo per poi avere una pensilina di tre metri soltanto. Forse si sarebbe potuto razionalizzare la spesa per ottenere il medesimo risultato. E rimaniamo sempre con il problema di alcune fermate che hanno la pensilina in favore di vento, e quando piove la gente si bagna sempre». (s.b.)