mercoledì 8 agosto 2012

Chioggia protesta per il corso trasferito a Venezia

Su 15 ragazzi di Chioggia e Pellestrina che vorrebbero iscriversi alla quarta classe del corso “Tecnico del mare” dell'istituto Giorgio Cini, solo due sono disposti a trasferirsi a Venezia (i due pellestrinotti, ndr) ma anche loro preferirebbero Chioggia. È il risultato del “sondaggio” che il dirigente scolastico, Gianni Colombo, ha condotto lunedì tra le famiglie dei ragazzi coinvolti e che dovrebbe essere trasmesso all'ufficio scolastico provinciale per sollecitare un ripensamento della programmazione che vuole la quarta classe collocata nella sede veneziana dell'istituto, o niente. Ma, in questa fase “calda” della programmazione scolastica il dirigente dell'ufficio scolastico provinciale, Domenico Martino, «è in ferie» dice l'assessore all'istruzione di Chioggia, Silvia Vianello. «Ma il problema vero», aggiunge, «è che con gli uffici scolastici preposti non siamo mai riusciti a dialogare. Una lettera, firmata da me e dal sindaco Casson, spedita il 25 luglio, all'Ust di Venezia, in cui facevamo presente l'importanza, per una città come Chioggia, della presenza di quel corso d'istruzione e del diritto, per i ragazzi, di completarlo, è rimasta senza risposta, come pure altre proposte alternative che, tramite il dirigente Colombo, erano state prospettate agli uffici scolastici provinciale e regionale. È un comportamento vergognoso, di fronte al quale non staremo certo a guardare». (d.deg.)